Chinese (Simplified)EnglishFrenchGermanIndonesianItalianSpanish

FUERTEVENTURA: Un viaggio “On the Road” a Corfete

Semplicemente stupefacente…non esiste altro aggettivo che meglio descriva la spiaggia più selvaggia di tutta l’isola di Fuerteventura e delle Isole Canarie.

È un luogo magico, lontano dalla civiltà, privo di servizi. Esiste un solo ristorantino incastonato perfettamente nell’ambiente circostante in cui è possibile, senza troppe pretese, assaggiare i piatti tipici di Fuerteventura spaziando dai formaggi – rigorosamente di capra – (non a caso sono presenti innumerevoli allevamenti in tutta l’isola), allo stufato ….una vera delizia per il palato!

Leggi anche Come i moderni Robinson Crusoe all’Islote de Lobos

Cofete si raggiunge da Morro Jable, all’estremo sud dell’isola, tramite una strada sterrata di circa 20 km abbastanza tortuosa ed impegnativa (consiglio il noleggio di una vettura 4×4, molti infatti si avventurano anche con utilitarie ma purtroppo non sanno che in caso di inconveniente l’assicurazione non risponde).

Inizierete a sentire lo stupore crescere una volta giunti al punto panoramico più alto. Un vero e proprio “mirador” dal sapore selvaggio che ricorda epoche lontanissime. Non a caso in questo luogo il regista Ridley Scott ha girato il film “Exodus – Dei e re” nel 2014. La vista è aperta lungo tutta la costa a perdita d’occhio. Non resta che affrontare lentamente gli ultimi km e sarete giunti in un vero e proprio paradiso terrestre!

Consiglio di effettuare più soste durante il tragitto, laddove sia possibile, proprio per ammirare ciò che la natura ha creato e godendosi un viaggio piacevole e ritemprante. In questa zona, spesso il cielo è solcato da nuvole che si abbarbicano sulle cime dei rilievi rendendo il paesaggio ancora più suggestivo.

I rilievi di questa zona si estendono per parecchi chilometri e sono ciò che resta di una devastante eruzione del vulcano Cofete, largo circa 25 km, che ha fatto emergere dal mare quella che poi è diventata la penisola di Jandia. Le spiagge che troverete a Cofete sono lunghe più di 10 km e larghe anche più di un centinaio di metri, a seconda dell’altezza della marea.

E’ possibile visitare il massiccio di Jandía a piedi, partendo da Morro Jable. La via escursionistica PR FV 54 conduce a Pico del la Zarza – o Pico de Jandía – il culmine dell’isola di Fuerteventura, a 807 mt. Il sentiero – ben segnalato – inizia nei pressi del lungomare di Jandía Playa (località turistica di Morro Jable) sino ad arrivare al picco della Degollada de las Yeguas dopo una camminata di circa 8 Km e ad un dislivello di quasi 800 mt.

L’emozione di una lunga camminata in totale solitudine e relax non ha prezzo. Sarete solo voi e pochi altri che incontrerete lungo il percorso fino all’Islote de las Siete Viudas (raggiungibile dirigendosi verso nord), una striscia di terra che, grazie al gioco delle maree, può essere sia il naturale prolungamento della spiaggia di Cofete che un isolotto tranquillo e adagiato in una posizione dominante, quasi a far da guardiano a questo posto davvero spettacolare!

A Cofete il tempo sembrerà eterno. La voce dell’Oceano Atlantico vi ricorderà che siete ancora sulla Terra, il vento vi accompagnerà lungo il vostro cammino e i monti vi renderanno partecipi della meraviglia che la natura ci dona senza chiederci di più che rispettarla.

Sono particolarmente innamorata di questo luogo, ritempra l’anima e nutre la nostra immaginazione liberandoci la mente. Consiglio a chiunque voglia visitare Cofete di rispettare la sua integrità e di godere della calma che regala, Portatevi tutto il necessario per affrontare una giornata fuori da ogni comodità, sotto il sole impetuoso in ogni stagione. Munitevi sempre di crema solare, cappello, cibo, acqua e la giacca antivento, compagna fedele di ogni visitatore di Fuerteventura.

Roque del Moro

Lungo la strada sterrata per Cofete, circa dopo 7 km, è segnalata una deviazione per raggiungere la località denominata “Roque del Moro “. Attenzione, è una strada molto impervia. Pertanto vi consiglio di percorrerla a piedi muniti, con scarpe da trekking. Dopo circa 3 km si raggiunge l’oceano attraversando luoghi incantati e silenziosi che difficilmente dimenticherete.

Giunti alla spiaggia, dirigetevi verso sud e in poco tempo raggiungerete il famoso sperone di roccia alto quasi 100 metri, piena di mistero che dà il nome alla zona. Anche le tartarughe marine frequentano questa spiaggia nel periodo della deposizione delle uova!

Vi troverete in un luogo da film, quasi surreale. I colori della sabbia e dell’oceano creano giochi di luce unici. L’alternarsi delle onde danno vita a piscine naturali in cui immergersi per rilassarsi e contemplare la bellezza dell’oceano. Uno dei posti più belli mai visitati in assoluto.

Booking.com

Leggi anche

Come cercare Voli Low Cost e risparmiare sui tuoi viaggi!

Una giornata indimenticabile a El Cotillo

Portogallo: Dove si trovano le spiagge più belle dell’Algarve?

Condivi l’articolo se ti è piaciuto 🙂

Iscriviti gratuitamente alla nostra Newsletter ed entra a far parte della nostra Community. Scopri tutte le novità e connettiti con gli altri viaggiatori di Report24Up! Inviaci le tue Storie di Viaggio e condividi le tue esperienze con gli altri Travellers in giro per il mondo.

VUOI CONOSCERE I LUOGHI PIU’ SEGRETI DI ROMA?
La prima GUIDA con i luoghi più segreti di Roma. Scopri tutti i posti che solo il 5% di turisti e cittadini conosce!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: