10 cose da non fare se decidi di partire per il Messico

La cultura messicana, in generale, è molto aperta e accogliente. Non sono molte le cose che potrebbero infastidire un messicano, a parte ovviamente gli insulti e la maleducazione. Ma ci sono delle regole, spesso poco conosciute che, se non rispettate, potrebbero causarci dei problemi, e in alcuni casi non di poco conto.

1 – Bere alcolici in strada

Bere alcolici per le strade del Messico, è di fatto illegale sebbene gli agenti di polizia chiudano spesso un occhio. Ma non fatevi ingannare da questa falsa sicurezza. Il consumo di alcool in pubblico (“open container”) è illegale e punibile con un giorno di prigione. Inoltre, solo ai maggiorenni – 18 anni – è consentito comprare o bere alcolici in locali pubblici, che può essere venduto anche nei negozi alimentari solo fino alle nove e mezza di sera.

2 – Non fidarsi completamente della Polizia

Gli agenti delle forze dell’ordine sono molto disponibili negli Stati Uniti, in Giappone, in Europa e così via, ma non in Messico. Purtroppo, in questo Paese, i poliziotti sono spesso corrotti anche a causa dei loro bassi stipendi, trovando qualsiasi scusa per estorcere denaro e non solo. Quindi non fidatevi troppo, specialmente se state viaggiando da soli per le strade del Messico.

Leggi anche Messico, Grotte Tolantongo: l’oasi green dell’Hidalgo

3 – Attenti al “Chile”

Al “Chile“, ovvero al peperoncino. Se vi dicono che state ordinando un piatto “no pica“, significa che è piccante. Solo se vi diranno “No tiene chile” potete stare tranquilli, in quanto il vostro cibo sarà privo di peperoncino. Inoltre, se sentirete dire “pica poco“, attenzione! Vi stanno dicendo che è piccantissimo. Figuriamoci quando vi diranno “pica mucho“: probabilmente passerete i 20 minuti peggiori della vostra vita se non siete abituati al piccante messicano.

Leggi anche Messico: Cholula e la piramide più grande del Mondo

4 – Non sentirti insultato se ti chiamano negro, gringo o “güero”

Essere chiamato “güero” (biondo), “negro” (nero) o gringo (americano), non è un insulto in Messico. Sono appellativi descrittivi che vengono spesso utilizzati dagli abitanti del posto semplicemente per richiamare la vostra attenzione o simpatizzare. Quindi non siate ostili, in questo caso non ce n’è bisogno, a meno che non abbiate commesso un furto o altro reato punibile con la legge. Piuttosto, evitate l’appellativo “Chilangos“, in quanto per alcuni può essere considerato offensivo, mentre per altri è solo un modo come un altro per indicare gli abitanti della zona. Per non incorrere in errori, evitate di usare questo appellativo se siete stranieri.

5 – Non lottate contro la burocrazia messicana e girate sempre con un documento d’identità

Qui, è la lotta più inutile del mondo. Diversamente da come accade in altri Paesi del mondo, in Messico non vi è alcuna possibilità di negoziazione con le autorità e i sistemi burocratici del Paese. Se vi sentirete dire che la fotocopia del vostro documento di identità non va bene perché la presenza di un ologramma fa sì che il puntino della “i” non si vede bene (fatto realmente accaduto), potete innescare una discussione infinità, ma il funzionario o l’agente di polizia non accetterà mai la vostra fotocopia.

Peggio se vengono riscontrati problemi nelle banche o in qualsiasi ufficio pubblico. L’elasticità qui non è contemplata. Sarà inutile dire al cassiere della vostra banca, dove hai il conto da 10 anni, che la banca già vi conosce e ha già una copia del vostro passaporto. Meglio non perdere tempo e tornare a casa a prendere il vostro documento. A questo proposito, NON girate mai senza un documento d’identità valido e forma migratoria FMT se non siete dei turisti. E’ un obbligo e se vi fermeranno senza, rischierete la denuncia alla Migración e finirete sotto processo.


6 – Non fare foto agli indigeni in strada se non espressamente voluto anche da loro

In Messico, la popolazione indigena vive in estrema povertà. Quindi, non andate in giro a far foto senza avere ottenuto il loro permesso, potrebbero offendersi davvero per questo atteggiamento. E hanno ragione, non sono animali ad un safari, ma esseri umani con un background culturale ricco e meraviglioso. Piuttosto, se vendono qualcosa, acquistatelo senza contrattare troppo. Se volete, comprate tranquillamente un cestino in vimini, dei tessuti o un opera d’arte, ma pagate quello che vi viene richiesto. Come già detto, la maggior parte degli indigeni viene da comunità estremamente povere: comprare la stessa cosa nel vostro Paese, vi costerebbe almeno cinque volte tanto. Se il prezzo vi sembrerà allora troppo alto, passate al prossimo venditore, ma non cercate di farvi fare sconti su opere d’arte in vendita per le strade messicane, in fondo non siamo in un centro commerciale con i saldi.

7 – Non Bevete acqua se non è sigillata

Al di fuori di resort e catene di ristoranti turistici, che utilizzano sistemi di filtrazione dell’acqua, si consiglia vivamente di non bere acqua che non provenga da bottiglie sigillate. Nessun problema se dovrete lavarvi degli indumenti, ma anche per lavarsi i denti e per bere occorrerà usare l’acqua in bottiglia, peraltro diffusa ed economica. Fuori i contesti turistici, quindi, evitate anche bibite con il ghiaccio! Utile consiglio se non volete fare i conti con gli effetti della “maledizione di Montezuma”.

8 – Non fermare Taxi “a caso” per le strade messicane

In Messico, l’abusivismo dei taxi è piuttosto diffuso. Per questo motivo, evitate di fermare un taxi qualunque per strada se non volete pagare tariffe ingiustificatamente salate. Inoltre, se il taxi è dotato di tassametro, chiedete sempre al conducente se è funzionante. In caso contrario, oppure se non c’è il tassametro, concordate il prezzo della corsa prima di salire a bordo (a volte dovrete contrattare).

A questo proposito, voglio ricordare che in alcuni aeroporti e in grandi stazioni degli autobus, hanno un sistema di taxi autorizzati con servizio di biglietteria. Presso le taquillas – sportelli della biglietteria – potrete anche acquistare dei biglietti a tariffa fissa, che consegnerete direttamente al conducente del taxi invece del denaro contante. In questo modo eviterete le contrattazioni e le truffe sebbene le tariffe possono essere più elevate rispetto a quelle dei normali taxi.

9 – Lascia la mancia

Come negli Stati Uniti, il servizio al ristorante e nei bar non è compreso e si usa quindi lasciare una mancia del 10 – 15%. Se si paga con carta di credito, lo aggiungeranno direttamente allo scontrino. La stessa cosa vale per autisti di pullman, cameriere d’albergo, ecc…

10 – Non assumere mai un impiegato in nero

Se decidi di partire per il Messico ed aprire una tua attività, non assumere per nessun motivo un impiegato in nero, anche se ti dovessero dire loro espressamente che non gli interessa avere un “seguro social” o che ce l’ha già, ma preferisce guadagnare qualcosa in più senza contratto regolare. Lavorerà per te, ma molto probabilmente raccoglierà tutte le prove necessarie per denunciarti alle autorità.

In Messico, la legge prevede che l’onere della prova di un dipendente tocchi al proprietario. Pertanto, se un tuo lavoratore affermerà che tu lo sfruttavi per 18 ore al giorno, toccherà a te dimostrare che non è vero. Ed in Messico è più facile difendere un lavoratore rispetto ad un’azienda, in quanto il dipendente non deve dimostrare praticamente nulla: ciò che dice è vero, a meno che il datore di lavoro dimostri il contrario.

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter ed entra a far parte della nostra Community. Scopri tutte le novità e connettiti con gli altri viaggiatori di Report24Up!

Diventa un Blogger anche tu! Inviaci le tue Storie di Viaggio e condividi le tue esperienze con gli altri Travellers in giro per il mondo.

LEGGI ANCHE

Messico: Cholula e la piramide più grande del Mondo

Trekking Italia: 5 meravigliosi itinerari di Trekking adatti a tutti

Ecco le 10 Strade più belle e pericolose del mondo!

Indonesia: i Templi più belli di Bali

TI POTREBBE INTERESSARE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: